martedì 6 gennaio 2015

La Newsletter de “La Zona Morta"

Menù “La Zona Morta”




Ecco il nuovo numero della Newsletter de “La Zona Morta”: ogni 15 giorni tante notizie, anticipazioni, classifiche, aggiornamenti… e molto, molto di più! Seguiteci su www.lazonamorta.it...

E ANCHE SUI PRINCIPALI SOCIAL NETWOR

LA ZONA MORTA AUGURA A TUTTI VOI
BUON 2015

ANTIPASTI


PRIMI PIATTI

Hunger Games 3 di Elena Romanello
Il giorno dell’incarnazione a cura della redazione

SECONDI PIATTI
Il ragazzo invisibile di Elena Romanello
The Cannibal Family Book a cura della redazione

CONTORNI – LE CRONACHE DI  
Intervista a Sergio Bissoli di Davide Longoni
FRUTTA
Fantascienza Story 05 di Giovanni Mongini
Fantascienza Story 06 di Giovanni Mongini

DESSERT

BEVANDE

EXTRA
Vogliamo segnalarvi la recente pubblicazione di “SOPRASSEDIAMO! - Franco & Ciccio Story” (530 pagine; 18 euro), splendido volume che Il Foglio Letterario Edizioni ha voluto dedicare al cinema comico-parodistico di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia con contributi di Matteo Mancini e Giacomo Di Nicolò.
Franco e Ciccio sono due clown amati dal pubblico e disprezzati dalla critica, forse proprio perché la loro comicità è legata a un genere poco capito come la parodia.
I due siciliani non interpretano parodie perché vanno di moda e garantiscono incassi sicuri, ma perché è il loro modo di essere attori, la loro comicità si forma su quel tipo di cultura popolare.
Il cinema italiano conosce la parodia grazie a Totò, Erminio Macario, Raimondo Vianello, Ugo Tognazzi, Walter Chiari, ma l'arrivo sul grande schermo di Franco e Ciccio sconvolge gli schemi e imposta il discorso parodistico in termini ben più radicali.
La critica non li comprende, massacra ogni pellicola con attacchi virulenti, ai limiti dell'offensivo, definendo la loro comicità stupida e volgare, non rendendosi conto di offendere anche il pubblico che affolla le sale e rifiutando di capire i motivi del successo.
Franco e Ciccio pagano la stagione dell’impegno politico, l’eredità del neorealismo e l’assurdo intellettualismo di certa critica che, come diceva Fulci, “deve vedere mondine e partigiani per apprezzare un film”, ma che uccide lentamente il cinema popolare.
Il libro inaugura “La Cineteca di Caino”, “una nuova collana, ci racconta l’editore e amico Gordiano Lupi, dedicata al cinema che si affianca al già presente supplemento aperiodico cartaceo dell’omonimo blog: http://cinetecadicaino.blogspot.it/. Se il primo numero della fanzine a diffusione gratuita è dedicato a Nando Cicero ed è intitolato “W la foca!”, il primo libro della collana non poteva che essere riservato a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, due comici che hanno dominato il mio immaginario di bambino”.
Il blog “La Cineteca di Caino” è stato inaugurato il 6 maggio 2011 con questo breve post: “Inauguro questo spazio dedicato al cinema spiegando le ragioni del titolo. Il cinema è da sempre una delle mie passioni, come lo è Cuba e la sua cultura (anche il cinema cubano, che farà parte di questo spazio).
Per questo motivo voglio citare uno scrittore cubano a me caro: Guillermo Cabrera Infante, che scriveva di cinema sotto lo pseudonimo di G. Cain (la sceneggiatura di “Vanishing Point” è firmata così).
Ecco perché “La Cineteca di Caino”: nel mio spazio, come un piccolissimo Cabrera Infante, voglio parlare del cinema che amo, alto o basso non importa, non sono definizioni che interessano, basta che sia un cinema fatto con il cuore. Parlerò del cinema trascurato dalla critica ma amato dal pubblico, di un cinema che la critica importante ha sempre stroncato”.
Nel blog trovate articoli sui vari generi e sottogeneri del cinema italiano: commedia sexy, nazi-erotico, women in prison, tonaca-movie, horror, esorcistico, decamerotico, noir, splatter, gore, cannibalico, mondo-movie e chi più ne ha più ne metta.
Trovate persino una breve “Storia del Cinema Italiano” (molto sintetica) a puntate; molti post sono dedicati a Franco & Ciccio, Gloria Guida, Edwige Fenech, Tomas Milian, Joe D’Amato, Ruggero Deodato, Ferdinando di Leo, Luigi Cozzi, Bruno Mattei… attori, attrici e registi simboli d’un cinema da non dimenticare.
I libri della nuova collana che  avete tra le mani si propongono di approfondire il discorso su identiche tematiche con volumi agili e tascabili, ma anche con ponderose monografie”.

LA CLASSIFICA

I cinque articoli più letti nelle ultime due settimane:

1)   Rosso di sera… 01 di Davide Rosso
2)   Mondi Incantati 2014 a cura della redazione
3)   Scimmie elettriche e ballate dark a cura della redazione
4)   Colpo doppio per “Future Fiction” a cura della redazione
5)   Amganco a cura della redazione

PROSSIMAMENTE

Interviste a Nicola Lombardi, Giulio Leoni, Paolo Logli, Fabrice Quagliotti dei Rockets e Theo Lawrence; la psicomagia; Day of the dead 2; Conan the barbarian; Fantascienza Story; Neo-Gaiking; Isaac Asimov; Demonia.

Arrivederci nell’aldilà!

Davide Longoni